Vedi di non Morire di Josh Bazell

Josh Bazell, laureato in Letteratura e Medicina, scrive il suo primo romanzo sospeso tra Pulp Fiction e ER. Vedi di non Morire è ...

Josh Bazell, laureato in Letteratura e Medicina, scrive il suo primo romanzo sospeso tra Pulp Fiction e ER. Vedi di non Morire è un libro divertente e appassionante

Opera prima di un nuovo scrittore americano plurilaureato, Vedi di non Morire ci è subito parso un libretto di poche pretese. Ma Josh Bazell ci ha inaspettatamente stupiti, almeno sino alle ultime 10 pagine del romanzo. Si tratta di un libro scorrevole e pieno di ritmo, violento al punto giusto, romanzato al punto giusto (ok abbiamo esagerato), intrigante quanto serve e con una dose quasi letale di fiction postmoderna e di nozioni mediche sempre utili (se si lavora in un prontosoccorso).

La scrittura è leggera e incalzante, ironica dove serve e solo forse a volte un po’ compiaciuta. Nel complesso una storia spassosa e avvincente. Il protagonista è “Orso” Peter Brown, ora medico di successo, prima sicario per una famiglia mafiosa. Il suo tentativo di cambiare vita e di redimersi salvando vite viene accompagnato dall’amore per una donna e dalla passione e propensione per il mestiere di medico.

Vedi di non Morire ti porta sino alla fine ma qui, a nostro avviso, scade un po’ e entra in un’atmosfera alla Saw, l’enigmista, facendo perdere quota a tutta la macchina narrativa. Senza svelare nulla, non ci azzarderemmo mai, ci sentiamo comunque di consigliare la lettura del romanzo di Bazell. D’altro canto non sono le ultime pagine a far rimpiangere una storia che ne contiene 314. Come ci insegnavano a scuola nei temi, la cosa importante è iniziare alla grande e mantenere il ritmo il più possibile. Alla fine è permesso cedere, forti del fatto che è molto più facile mantenere una buona impressione iniziale che non riuscire a rialzarsi da un inizio saltellante.

Show comments

Share your thought