Ricciobianco 2004 Chardonnay Igt Toscana

Un bianco a base di Chardonnay che unisce la dolcezza del miele al corpo e alla struttura di un rosso. Il Ricciobianco 2004 Igt Toscana è un vino da ...

Un bianco a base di Chardonnay che unisce la dolcezza del miele al corpo e alla struttura di un rosso. Il Ricciobianco 2004 Igt Toscana è un vino da conoscere

L’Azienda Agricola Lanciola di Impruneta, in provincia di Firenze, produce questo splendido Chardonnay capace di profumi e di sapori sorprendenti. Al naso spicca subito la nota decisa di miele e quella di frutta matura, senza coprire una leggera sensazione floreale. Già alla vista si capisce che non siamo di fronte a un vino bianco da sottovalutare, bensì ad un deciso e strutturato Chardonnay che sa il fatto suo.

Girandolo nel bicchiere si muove lento, grasso, facendo pregustare quello che troveremo in bocca. All’assaggio è dolce all’ingresso e pieno e rotondo fino alla deglutizione. Tenendolo un po’ in bocca se ne apprezza la morbidezza e la freschezza. Neanche a dirlo in retrogusto è piacevolissimo e la persistenza notevolmente lunga.

Per la prima volta, forse, azzardiamo l’abbinamento con il cibo, dato che si tratta indubbiamente di un vino da bere a tavola, e non da solo, per poterlo apprezzare al meglio. Ad essere sinceri vi diremo con cosa l’abbiamo gustato noi: impepata di cozze e tagliolini cozze e vongole. La prima con molto pepe, i secondi con abbondante aglio, alla faccia degli amanti schizzinosi, e un pizzico(tto) di peperoncino. Il risultato? Esaltante.

Un consiglio finale è quello di aprire la bottiglia qualche ora prima di servirlo, per permettere al vino, un 2004, di ossigenarsi a sufficienza ed esprimersi così al meglio. Per concludere noi, nell’enoteca ristorante GustaVino di Firenze, l’abbiamo pagato 20,00 euro.

Show comments

Share your thought