Profumi di Mosto 2012, degustando la Vantènesi

L’edizione di quest’anno di Profumi di Mosto mi ha particolarmente soddisfatto, sia in termini di accoglienza sia in fatto di degustazioni

L’edizione di quest’anno di Profumi di Mosto mi ha particolarmente soddisfatto, sia in termini di accoglienza sia in fatto di degustazioni

E se penso che si tratta di un territorio e di aziende che mi appartengono e che, a differenti livelli, già conosco, l’esperienza si arricchisce di una prospettiva tanto interessante quanto poco attesa.

Quella che segue vuole essere semplicemente una breve cronaca di una giornata tra le colline del Lago di Garda, per la precisione in Valtènesi, e un invito a visitare questi luoghi incantevole se ancora non lo avete fatto.

La prima cantina che abbiamo visitato è stata Selva Capuzza, nell’omonima località di Desenzano del Garda, anche se per posizione è situata in una zona molto più vicina a San Martino della Battaglia e alla sua splendida torre. Qui i vigneti regalano ottime espressioni di Tocai (chiamiamolo per quello che è sempre stato), oltre che degli altri vini tipici delle denominazioni locali: Lugana, Garda Classico Groppello e Garda Classico Chiaretto. Il podere è molto bello e vale la visita, mentre dei vini in degustazione ho apprezzato particolarmente il Groppello e il Groppello Superiore.

Dopo Selva Capuzza siamo ripartiti alla volta di Padenghe sul Garda per far visita all’azienda Pratello, dove ho avuto modo di apprezzare alcuni interessanti bianchi fermi, come un Riesling e un Manzoni da viticoltura biologica.

Nella vicina e incantevole Moniga del Garda abbiamo poi raggiunto l’azienda Costaripa, con un sempre gradevole Chiaretto e una visita guidata nella cantina che non avevo mai avuto modo di visitare.

A Raffa di Puegnago abbiamo concluso il nostro viaggio gustativo con due aziende. La prima è stata Pasini Azienda Agricola San Giovanni, forse una di quelle che meno ha bisogno di presentazioni. Qui abbiamo assaggiato Lugana, Groppello 100% spumantizzato Metodo Classico, Garda Classico Groppello e un bell’uvaggio di Marzemino e Groppello che mi ha decisamente convinto.

Sempre a Raffa di Puegnago abbiamo chiuso con la cantina Scolari, godendoci il rilassante giardino e l’ultimo degli assaggi della giornata, un Groppello in purezza.

Al di là di questa spicciola cronaca di una giornata in Valtènesi mi preme complimentarmi con gli organizzatori della manifestazione e, soprattutto, con le aziende partecipanti, che hanno garantito ospitalità e qualità ai tanti visitatori presenti. In pochi altri eventi sul territorio ho visto tanta armonia e, considerando che ogni azienda offriva assaggi senza lesinare e un piatto in abbinamento (più di un assaggio senza alcun naso storto di fronte a noi), devo dire che il rapporto esperienza/prezzo (25,00 euro il carnet con 7 cantine + 1 jolly a scelta da un altro percorso) è stato davvero ottimo.

Marco Andreani