Azienda Agricola Tenuta Sant’Antonio

L’Azienda Agricola Tenuta Sant’Antonio esprime nei suoi vini due importanti denominazioni, Valpolicella e Soave. A Mezzane di Sotto in provincia di Verona quattro fratelli producono Amarone, Recioto della Valpolicella, Valpolicella Superiore, Valpolicella Superiore Ripasso, Soave Superiore, Cabernet Sauvignon, un Passito 100% Chardonnay e altri rossi e bianchi con uvaggi, oltre a olio e grappa.

I fratelli Castagnedi (Armando, Tiziano, Paolo e Massimo) hanno raccolto l’eredità e la passione per la vigna dal padre Antonio, che produceva in origine vini nella campagna di San Zeno di Cologna ai Colli. Nel 1989 i figli decidono di allargare i due ettari paterni acquistando altri tre ettari a Mezzane, raccogliendo la sfida di piantare nuove vigne e di edificare la nuova cantina nella zona dei Monti Gabi, che dal dialetto significa aspro e duro.

A distanza di qualche anno si può già affermare che i quattro fratelli Castagnedi abbiano abbondantemente vinto la sfida, soprattutto grazie all’unione di esperienza, ricerca della qualità, selezione accurata delle uve, basse rese, pulizia e cura nel lavoro sia in vigna sia in cantina, il tutto accompagnato da rispetto della natura e dei tempi necessari al vino per elevarsi a prodotto d’eccellenza.

Su un terreno compatto e tendenzialmente calcareo i vitigni sono quelli classici del territorio: Corvina, Convinone, Rondinella, Croatina, Trebbiano di Soave, con la presenza di Cabernet Sauvignon e Garganega.

Dalle prime tipologie di uve nascono l’Amarone e il Recioto della Valpolicella, prodotti – frutto di appassimento delle uve – ormai conosciuti in tutta la penisola e ampiamente apprezzati dai consumatori.
Il primo è un vino dalla storia recente ma in continua ascesa, nato quasi per caso, figlio inconsapevole del ben più antico Recioto. Amarone di nome e non di fatto, chiamato così proprio per il confronto con il dolcissimo Recioto, forse per quelle bottiglie dimenticate, rifermentate e invecchiate dal tempo che, perdendo la componente zuccherina, non potevano che sembrare insipide e quindi, per contrapposizione, dal sapore “amaro”.
Il Recioto prende invece il suo curioso nome probabilmente da quelle “recie”, le orecchie laterati dei grappoli, ritenute più idonee, perchè meno compresse e quindi più integre, alla produzione di questo splendido vino passito.

Con queste due tipologie L’Azienda Agricola Sant’Antonio esprime al meglio la propria produzione, garantendo qualità a un prezzo accessibile, soprattutto in confronto alla media delle bottiglie di Amarone che circolano in enoteca e nei supermercati, intorno ai 40,00 euro, sino a picchi di 90,00 euro.
24,00 euro circa un Amarone Selezione Antonio Castagnedi, un prezzo dunque ragionevole per un vino che si fa amare sin dal primo sorso.


Show comments

Share your thought