Philip K. Dick – Blade Runner

Los Angeles 2020. In questo tempo il visionario scrittore americano ambienta uno dei suoi capolavori. Un libro senza compromessi, libero come ...

Los Angeles 2020. In questo tempo il visionario scrittore americano ambienta uno dei suoi capolavori. Un libro senza compromessi, libero come l’immaginazione.

Il titolo originale è Do Androids Dream of Electric Sheep?

Esce nel 1968 e anticipa tutti i tempi, influenza il cinema e la sua visione della Fantascienza.
Dipinge un mondo cupo e difficile e si presenta molto più originale e visionario della celebre trasposizione cinematografica.

Pochi giorni fa ero a Los Angeles

Non so come sarà nel 2020, ma è di certo una città dal fascino ammalato. L’impressione generale è di abbandono e di forte squilibrio tra ricchezza e povertà, ordine e disordine, legalità e criminalità.

Forse proprio queste contraddizioni, queste ambiguità hanno ispirato la scrittura di Philip Dick, affascinato dal doppio, dalla violenza, da una preveggenza dettata dalla sua grande capacità di analisi e di anticipazione dei tempi.

In definitiva il film è un grande film, ma è una cosa altra rispetto al romanzo.
Forse proprio perchè l’unicità del libro è troppo difficile da riprodurre visivamente e alla quale, nonostante i tempi, non siamo ancora preparati.

Show comments

Share your thought