Onav: Giorgio Calabrese Presidente

Con l'elezione del nuovo Presidente e del nuovo Consiglio, ONAV, l'Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino, guarda al ...

Con l’elezione del nuovo Presidente e del nuovo Consiglio, ONAV, l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino, guarda al futuro e si prepara ad affrontare nuove sfide

Diffusione della cultura del bere consapevole, avvicinamento alla scienza, apertura all’internazionalizzazione. Si è tenuta ieri 15 novembre la nomina ufficiale del “nuovo” Onav, Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino. Con un voto plebiscitario è stato eletto Presidente Giorgio Calabrese, nutrizionista, docente universitario e ricercatore, certamente uno dei nomi della medicina più noti d’Italia.

Ecco le altre cariche: Pro presidente Vito Intini, VicePresidenti Gianni Gardina, Lorenzo Marinello e Roberto Rampone, Tesoriere Giancarlo Mirone, Consiglieri Ezio Alini, Simonetta Carminati, Walter Polese, Fabio Finazzi, Enzo Biondo, Pasquale Porcelli, Giuseppe Meglioli e Pierino Grigolato e Mario Sacco. Il nuovo consiglio nazionale, eletto il 24 ottobre ad Asti, guiderà l’associazione per il periodo 2010-2013.

La scelta di Giorgio Calabrese come Presidente è emblematica della volontà Onav di guardare al futuro. Nonostante sia la più storica realtà impegnata nella diffusione della cultura del vino, fondata nel 1951. L’Associazione ha quindi sentito l’esigenza di rinnovarsi ponendosi quattro obiettivi. Antitutto avvicinarsi al mondo della scienza confermando il suo ruolo di protagonista nello studio scientifico dell’arte dell’assaggio e dedicando grande attenzione alla nutrizione per diffondere ancor meglio la corretta informazione sul bere consapevole. Comunicare la cultura per il vino in tutta Italia ed all’Estero, grazie a progetti ambiziosi. Proprio in quest’ambito vi sono novità importanti; Onav dal 2010 inizierà una collaborazione con l’Università di Pechino, supportata dal Governo Cinese, che conferirà all’Associazione il ruolo ufficiale di ambasciatore del vino di qualità in Cina. Il quarto scopo sarà aprirsi alla comunicazione attraverso l’organizzazione di iniziative ed eventi qualificati e l’informazione verso la stampa.

“Oggi amare il vino non significa più solo insegnare a riconoscere vitigni e qualità, ma anche diffondere la cultura di questo prodotto simbolo dell’Italia e difenderlo dagli attacchi, spesso ingiustificati, cui è sottoposto a causa della scarsa conoscenza”, Afferma il Presidente Giorgio Calabrese. La scelta del presidente Calabrese indica la ricerca di una guida che possa al tempo stesso promuovere una corretta conoscenza del vino e delle tematiche attuali del mondo enoico.

La nuova presidenza succede a quella di Bruno Rivella, per molti anni alla guida dell’Associazione.

Il Direttore Michele Alessandria
Show comments

Share your thought