Misura Laser della Co2

Il Distretto di Conegliano Valdobbiadene punta sull’innovazione e contribuisce alla soluzione di una problematica comune all’intero mondo dello ...

Il Distretto di Conegliano Valdobbiadene punta sull’innovazione e contribuisce alla soluzione di una problematica comune all’intero mondo dello spumante

Venerdì 18 dicembre h. 9.30 Auditorium del Distretto Conegliano Valdobbiadene – V. Roma 12 Solighetto di Pieve di Soligo (TV)

Da una delle aree enologiche più importanti d’Italia, quella del Conegliano Valdobbiadene DOCG Prosecco Superiore, arrivano soluzioni utili per l’intero mondo dello spumante.

Venerdì 18 dicembre presso l’Auditorium del Distretto saranno infatti presentati i risultati dell’innovativo progetto per la misurazione dell’anidride carbonica ( Co2) nel vino spumante, attraverso l’utilizzo del laser. Finanziato dalla Regione Veneto, il lavoro ha visto capofila il Consorzio di Tutela Conegliano Valdobbiadene Docg e ha coinvolto soggetti molto diversi tra loro, a dimostrazione che il Distretto rappresenta l’intera filiera produttiva, rafforzando le sinergie fra i diversi attori.

Lo studio, avviato un paio di anni fa, è stato sviluppato dalla Facoltà di Ingegneria dell’Università di Padova e dal Parco Scientifico Galileo e si è avvalso della collaborazione di una decina di cantine e di alcune aziende del settore enologico e impiantistico. Il lavoro ha visto la realizzazione di un prototipo per la misurazione via laser della pressione dei gas del vino con un metodo non invasivo e, quindi, non dannoso per il prodotto. Tale prototipo è stato utilizzato in fase sperimentale da circa dieci aziende. Ora, una volta analizzati i risultati, si passerà all’immissione di questo strumento sul mercato.

“Il Distretto sta creando oggi le condizioni per un innovativo approccio alla ricerca, perché gli stimoli vengono dalle esigenze dei produttori. – Afferma il presidente del Consorzio di Tutela Franco Adami – Grazie ad esso, si sta creando un polo dell’innovazione, dove l’elemento distintivo è la collaborazione tra istituzioni e privati. La realizzazione di questo progetto ne è la dimostrazione”. Costituito nel 2003, nei primi anni il Distretto di Conegliano Valdobbiadene ha concentrato la propria attività sulla creazione di un’identità condivisa e del Centro Studi, luogo di raccolta e analisi dei dati economici della denominazione Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, che il 12 dicembre presenterà il Rapporto annuale.

Negli anni, tuttavia, il naturale sviluppo dell’attività del Distretto è stato ricercare soluzioni alle problematiche produttive delle aziende del territorio, criticità comuni a tutto il mondo spumantistico. Da queste esigenze è nato il progetto per la realizzazione di L sensor Co2, strumento che permette la misurazione di gas nei vini tramite tecnologia Laser. L’incontro sarà quindi rivolto a tutte le aziende del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore ma anche ai colleghi delle altre aree spumantistiche italiane.

Programma della giornata

H. 9.30 Apertura dei lavori: saluti del Presidente del Consorzio di Tutela Franco Adami

Introduzione ai lavori Giancarlo Vettorello – Rappresentante del Distretto del Conegliano Valdobbiadene

9.45 Prof. A. Curioni – Docente di Enologia e Chimica degli Alimenti dell’ Università

di Padova “CO2 ed effervescenza nei vini spumanti”

10.15 LPro Srl “L’esperienza di L.Sensor.CO nel Conegliano Valdobbiadene”

10.40 Prof. Ferrarini – Docente di Enologia – Università di Verona

“Primi risultati di confronto di alcune metodiche di misura della CO2 nei vini”

11.00 Parlano le aziende

11.30 Dott. Frederic Junge di Oeneo Bouchage

“Praticità d’uso per il monitoraggio delle chiusure dei vini – primi risultati”

12.00 Chiusura dei lavori

Consorzio per la Tutela del Prosecco  di Conegliano Valdobbiadene
Via Roma, 7-  31050 Solighetto TV
Ufficio Stampa Silvia Baratta info@gheusis.com