Lugana, armonia senza tempo

Si è svolta ieri sera, sabato 6 giugno, una degustazione di vini Lugana a Palazzo Callas, nella suggestiva cornice di Sirmione, perla del Lago di ...

Si è svolta ieri sera, sabato 6 giugno, una degustazione di vini Lugana a Palazzo Callas, nella suggestiva cornice di Sirmione, perla del Lago di Garda

Dobbiamo rendere il giusto merito al Consorzio di Tutela del Lugana Doc, che ha organizzato questo evento in maniera davvero lodevole. 37 aziende tra Brescia e Verona

produttrici di vini Lugana Doc, distribuiti sui tre piani dello splendido Palazzo Callas a Sirmione, sul Lago di Garda.

Una degustazione interessante e di alto livello qualitativo, per un vino che raccoglie sempre maggiori consensi e che sa esprimersi bene anche nel medio invecchiamento e nella versione spumantizzata con metodo

classico. Oltre ad assaggiare i vini sempre all’altezza di aziende vitivinicole come Cà dei Frati (ottimo il 2003), Pasini, Costaripa o Santa Cristina, abbiamo particolarmente apprezzato i Lugana della Tenuta Roveglia.

Iniziando da un 2008 siamo arrivati a degustare un 2006 vendemmia tardiva che ci ha particolarmente stupito. Tutti vini accomunati da una buona acidità e salinità e tanta tanta freschezza.

Solo un po’ di perplessità l’abbiamo avuta sulle annate più lontane, come ad esempio per un 1996 Santa Cristina. Considerato comunque il tempo necessiario al vino per aprirsi, ci chiediamo se il Lugana in generale possa davvero essere un vino dal lungo invecchiamento. Risultati migliori, a nostro parere, li abbiamo trovati in vini dal medio invecchiamento, come un ottimo 2003 di Cà dei Frati.

In ogni caso una degustazione davvero piacevole e con punte di eccellenza, un invito, a chiunque lo desideri, a visitare un territorio incantevole e a scoprire uno dei bianchi più interessanti del nord Italia.