L’Emilia e la Romagna: terre di vini e confini

L’Emilia e la Romagna: terre di vini e confini è il 9° volume della collana “Le grandi aziende vitivinicole d’Italia” di Andrea Zanfi edita della Carlo ...

L’Emilia e la Romagna: terre di vini e confini è il 9° volume della collana “Le grandi aziende vitivinicole d’Italia” di Andrea Zanfi edita della Carlo Cambi Editore (www.carlocambieditore.it)

Gli 8 volumi precedenti – I Supertuscans (1° e 2° edizione), Viaggio tra i grandi vini di Sicilia, Friuli. Terre, uomini, vino, Piemonte… la signora del vino, Le Marche… l’orto del vino, Il Veneto, noialtri e il vino, Lombardia. Il mosaico del vino, Toscana. Anima del vino (L’obbedienza alla terra) – nell’arco di quasi un decennio hanno ottenuto plausi e consensi di pubblico e di critica in Italia e a livello internazionale, con ripetute vittorie e riconoscimenti a prestigiosi concorsi quali Libri da Gustare (Salone del libro – Torino) e Gourmand World Cookbooks Awards (Barcellona, Stoccolma, Kuala Lumpur, Pechino, Londra, Parigi).

L’autore, supportato dallo staff della casa editrice, da diversi anni sta effettuando un lavoro attento e capillare, alla ricerca non solo della migliore produzione enologica della nostra penisola, ma soprattutto degli aspetti culturali che regolano i complessi comparti vitivinicoli delle regioni italiane, andando a sondare non solo il presente e il possibile futuro del settore, ma anche le scelte e le iniziative di tutti quei vignaioli che hanno saputo porsi all’attenzione del mercato nazionale ed internazionale.

L’Emilia e la Romagna: terre di vini e confini svela le aziende vitivinicole di una regione che ha richiesto un lavoro minuzioso di selezione di tutti quei vignaioli che poi nel libro sono stati raccontati attraverso pennellate narrative capaci di cogliere gli aspetti più veri e sinceri che li caratterizzano; insomma, non soltanto la mera visione di un’azienda e dei suoi prodotti, ma il racconto di un viaggio alla scoperta di un territorio e di chi vi sia “dietro” al vino e alla sua realizzazione.

Questa è una terra fertile e generosa – anche se contaminata da coltivazioni intensive e da allevamenti di mucche, maiali e polli in batteria – consacrata verso tutto ciò che riconduce ad autentici e genuini sapori. Terra di ospitalità antica, mai gratuita, ricca di gente schietta, semplice, di rado grossolana, anche se, ultimamente, un po’ troppo imborghesita. Una terra di personaggi famosi, musicisti, poeti, sognatori solitari, di matti e beati, di grandi ballerini e orchestrali, di belle e affascinanti donne, di motori, di ciclisti, marciatori e maratoneti, di lavoratori stoici e orgogliosi, di cooperative rosse e bianche; una terra strana che ha dato i natali prima a dei gerarchi e poi a sindacalisti e comunisti. È una terra ricca e solidale, che ho scoperto distaccata verso il forestiero, godereccia, laica e baciapile, geniale e conformista… Una terra di confine, posta fra il Nord e il Sud d’Italia, per conoscere la quale invito tutti a dedicarle il tempo necessario, in modo da poter scoprire il fascino di camminare sotto i portici delle sue città ducali, comprendendo, nella bella mostra delle sue vetrine e in quel vivere civile che caratterizza la quotidianità di questi emiliani o romagnoli, quale sia il significato vero di ciò che altri definiscono “qualità della vita”. (Dall’introduzione di Andrea Zanfi).

Dopo aver contattato un centinaio di aziende ed averne visitate circa novanta, 65 sono state quelle inserite nel libro da Zanfi, che si è messo in movimento per mesi con l’intento di addentrarsi nell’anima del mondo del vino emiliano-romagnolo e arrivare ad “una più complessa visione d’insieme del mondo del vino di questa regione che va ben oltre quello rappresentato, nell’immaginario collettivo, dell’Emilia come terra di Lambrusco o vini frizzanti e della Romagna come terra di Sangiovese e vini fermi”.

Un viaggio fatto di degustazioni, incontri e lunghe chiacchierate con i tanti contadini, imprenditori e ‘vignerons’, che Zanfi ha percorso insieme a Giò Martorana, già fedele compagno di viaggio nelle precedenti avventure in giro per l’Italia, la cui qualità delle immagini è ormai conosciuta e apprezzata dal pubblico e dagli esperti del settore.

Dopo anni di riflessioni, accumulate percorrendo in lungo e in largo l’Italia – dalla Sicilia al Friuli, dal Piemonte alle Marche, dal Veneto alla Lombardia, alla Toscana – e visitando direttamente circa un migliaio di aziende, l’autore continua dunque nel suo viaggio indagatore nel comparto vitivinicolo italiano attraverso le terre poliedriche (belle e complesse) dell’Emilia Romagna.

Da Piacenza, lungo la Via Emilia e per quasi 290 km più in giù, fino a Rimini, lungo tutto l’asse appenninico che delimita la regione a Sud e ad Ovest, ho visitato diverse terre da vino e, su tutte, ho trovato dei vignaioli ancora oggi in possesso di quello spirito pionieristico che caratterizzava un po’ tutta la viticoltura italiana negli anni Settanta, quando si incominciò a percepire il senso del nuovo e il reale valore di un rinascimento enologico che emetteva i suoi primi vagiti. (Dall’introduzione di Andrea Zanfi).

L’Emilia e la Romagna: terre di vini e confini è un corposo volume (30×30 cm.) che si presta a due distinte letture: una con cui è possibile scoprire l’anima del territorio vitivinicolo emiliano-romagnolo, descritto e interpretato dall’autore con metodologia inusuale e originale e con tocchi personali di grande vivacità e verità, l’altra, più “tecnica” dove l’appassionato potrà attingere informazioni complete sulla produzione, le fasi di vinificazione, le migliori annate dei vini selezionati e molto altro…

Un libro da leggere, da consultare, da tenere in biblioteca, ma anche semplicemente da sfogliare e da gustare con gli occhi; un nuovo ed importante tassello che consente a tutti i lettori, siano essi semplici appassionati o professionisti del mondo del vino, di avere una fotografia dettagliata del movimento enologico emiliano-romagnolo e dei suoi protagonisti.

Dopo l’introduzione dell’autore (Dove trovare, in terre di vini e confini, l’Italian lifestyle?) potrete trovare importanti contributi del prof. Mario Fregoni, Presidente Onorario dell’OIV e già Ordinario di Viticoltura all’Università Cattolica di Piacenza (“Emilia Romagna: una viticoltura dell’Etruria settentrionale), dell’agronomo e giornalista vitienologico Matteo Marenghi (Prospettive dell’enologia emiliano-romagnola nel commercio italiano e internazionale del vino. Nuovi scenari impongono nuove strategie?) e di Andrea Dal Cero, giornalista e condirettore del mensile La Madia Travelfood (Dal Grande Fiume all’Adriatico, dalla pianura all’Appennino: una storia di diversità che si confrontano soprattutto a tavola). Un paragrafo è stato poi riservato ad alcuni famosi personaggi emiliano-romagnoli (Valerio Massimo Manfredi, Pupi Avati, Francesco Guccini, Tonino Guerra, Raoul Casadei, Carlo Lucarelli) che hanno voluto tracciare brevemente il loro rapporto con il vino della propria regione.

La “galleria” dei ritratti di vignaioli emiliano-romagnoli è formata da 65 produttori.

L’Emilia e la Romagna: terre di vini e confini
(Emilia and Romagna: lands of wine and diversity)
Autore: Andrea Zanfi (photo Giò Martorana)
Carlo Cambi Editore
Pagine: 300
Larghezza: 30 cm – Altezza: 30 cm
Prezzo: 90,00 euro
Data uscita libro: novembre 2010
ISBN versione italiana: 978-88-6403-067-8
ISBN versione inglese: 978-88-6403-068-5

Buona lettura a tutti.

Per qualsiasi approfondimento o informazione,
visitare il sito internet o contattare la redazione:
www.carlocambieditore.it  - info@carlocambieditore.it