La vista – la tonalità

Seconda lezione sull'assaggio dei vini. Oggi parliamo del colore del vino, quell'aspetto che attira il nostro sguardo e ci invoglia alla ...

Seconda lezione sull’assaggio dei vini. Oggi parliamo del colore del vino, quell’aspetto che attira il nostro sguardo e ci invoglia alla degustazione

Premessa necessaria: la tonalità del colore di un qualsiasi vino, va valutata in base alla tipologia del vino stesso, ovvero alle caratteristiche di pigmentazione delle uve presenti.

Moscato

La tonalità è influenzata da vari fattori quali l’intensità (ne parleremo nella prossima lezione), la maturazione delle uve, l’invecchiamento del vino, etc.

Per le tipologie fondamentali di vini, le principali possibili tonalità

Vino bianco: bianco carta; giallo paglierino (con o senza riflessi verdi, sintomo di giovinezza); giallo dorato; giallo ambrato (vini passiti, liquorosi o invecchiati)

Vino rosato: rosa pallido; buccia di cipolla; chiaretto; cerasuolo

Vino rosso: rubino; porpora; granato; aranciato; bruno

Show comments

Share your thought