L’E-book arriva nelle Scuole

Non potevano che essere genovesi le scuole che, dal prossimo anno, adotteranno i primi libri di testo scaricabili online. In nome di un tanto atteso ...

Non potevano che essere genovesi le scuole che, dal prossimo anno, adotteranno i primi libri di testo scaricabili online. In nome di un tanto atteso risparmio

Finalmente l’E-book arriva anche nelle scuole. Proprio noi, strenui difensori del volume rilegato e della carta stampata, ci troviamo a gioire per questa notizia. Almeno nella speranza che si possa finalmente diminuire sia la spesa delle famiglie per i libri di testo ogni anno, sia il peso sulle spalle dei ragazzi.
Genova è arrivata prima, con il Liceo Scientifico Cassini e il Liceo Classico D’Oria. A parte la battuta abbastanza scontata sul risparmio della carta, dobbiamo dire che l’iniziativa è lodevole da tanti punti di vista.

La formula adottata è quella del testo cosiddetto “misto”, in parte cartaceo, in parte telematico. La cosa interessante è proprio il fatto che in questo modo i programmi scolastici sarranno più personalizzabili e, in base alle diverse esigenze delle classi o degli istituti, si potranno scaricare le parti che più interessano, approfondire gli argomenti trattati e, quindi, “costruirsi” su misura il proprio libro di testo.

Per finire in bellezza il Ministero anticipa che dal 2011 tutti i libri di testo dovranno essere obbligatoriamente misti, metà su carta, metà digitali.
L’E-book, tanto spesso demonizzato (a volte a ragione), svolge qui un ruolo didattico e potrebbe aprire per gli studenti nuove prospettive. Già oggi infatti, in maniera scomposta e poco proficua, gli studenti ricorrono a internet per farsi “aiutare” nelle ricerche o nella stesura delle tesine. A parte la piaga del “copia – incolla” non si sa mai se la fonte è autorevole o meno. Ecco che anche in questo senso una diffusione telematica di libri di testo differenti a cui attinge può realmente aiutare a comprendere meglio, a imparare qualcosa, a sapere come e dove informarsi, anche al di fuori degli Istituti Scolastici.

Show comments

Share your thought