Kafka sulla spiaggia di Haruki Murakami

Murakami torna dopo qualche anno di silenzio con un romanzo crudo e evanescente, nello stile surreale che da sempre caratterizza e accompagna la sua ...

Murakami torna dopo qualche anno di silenzio con un romanzo crudo e evanescente, nello stile surreale che da sempre caratterizza e accompagna la sua scrittura

Kafka sulla spiaggiaSiete seduti su una spiaggia e il vento vi accarezza i capelli. Siete apparentemente soli e il vostro sguardo è puntato verso l’orizzonte. Fuori dal quadro però qualcuno vi osserva, probabilmente vi aspetta, forse vi pensa e grazie al suo pensiero voi esistete.

Come Alice esiste quando il Re Rosso la sogna anche voi potete sentirvi mentre Murakami racconta. Per fortuna voi continuate a esistete anche oltre il romanzo, mentre per i suoi personaggi la cosa non è così semplice.

Kafka sulla spiaggia è un romanzo murakamiano al 100%, potremmo dire in purezza, anche se ben poco di puro troverete tra le sue pagine. Verrete guidati in un labirinto di vicissitudini e di personaggi al limite tra realtà e fantasia, illusione e veglia, pensiero e carne.

Alla fine la sensazione è di essersi smarriti in un bosco senza sentieri, solo alberi fitti che oscurano il cielo e ogni tanto una radura per guardare il sole e riposarsi.
Tutto il resto è trasporto e emozione.

Show comments

Share your thought