Paul Verlaine, Dopo Tre Anni

Ho spinto la porta angusta che vacilla e ho passeggiato dentro il piccolo giardino acceso dolcemente dal sole del mattino che ...

Ho spinto la porta angusta che vacilla
e ho passeggiato dentro il piccolo giardino
acceso dolcemente dal sole del mattino
che semina ogni fiore d’un’umida scintilla.

Nulla è cambiato. Tutto ho rivisto: la pergola
d’umile vite selvatica con le sedie di vimini…
Lo zampillo fa sempre quel mormorio argentino
e il vecchio pioppo il suo lamento sempiterno.

Le rose come allora palpitano; come allora
i grandi gigli alteri si dondolano al vento.
Ogni allodola che va e viene m’è nota.

Anche ho ritrovato in piedi la Velleda
il cui gesso si sfalda al termine del viale
– esile, nell’odore sciapo della reseda.

Clicca qui per la Versione in Lingua Originale

Show comments

Share your thought