Giovanni Pascoli, Convivio

da Myricae O convitato della vita, è l'ora. Brillino rossi i calici di ...

da Myricae

O convitato della vita, è l’ora.
Brillino rossi i calici di vino;
tu né bramoso più, né sazio ancora,
lascia il festino.
Splendano d’aurea luce i lampadari,
fragri la rosa e il timo dell’Imetto,
sorrida in cerchio tuttavia di cari
capi il banchetto:
tu sorgi e… Triste, su la mensa ingombra,
delle morenti lampade lo svolo
lugubre, lungo! triste errar nell’ombra,
ultimo, solo!

Show comments

Share your thought