Collio Ribolla Gialla 2009 di Marco Felluga

Degustato con amici, il Collio Ribolla Gialla 2009 Marco Felluga si abbina perfettamente a piatti freschi e leggeri e favorisce la conversazione

Degustato con amici, il Collio Ribolla Gialla 2009 Marco Felluga si abbina perfettamente a piatti freschi e leggeri e favorisce la conversazione

Sono da sempre appassionato di Ribolla Gialla, questo vitigno tipico friulano in grado di regalare al vino una grande acidità e freschezza che lo rende perfetto come aperitivo. Ma la Ribolla Gialla non è solo un vino da gustare prima del pasto.

Anche se le origini della Ribolla Gialla sono ancora controverse, la maggior parte degli esperti è ormai concorde nel ritenerla un’uva autoctona friulana. Le prime notizie sul territorio risalgono al XII secolo, mentre nel XIV secolo la Ribolla godeva già di buona fama non solo in Italia ma anche in Germania.

La zona di coltivazione comprende parte delle province di Udine e Gorizia come l’Isonzo, i Colli Orientali del Friuli e, soprattutto, il Collio. Quest’ultima denominazione era già molto considerata a livello vitivinicolo durante il governo veneziano e sotto la dominazione asburgica, dando origine a vini molto apprezzati per la loro spiccata tipicità.

Nello specifico la Doc Collio Ribolla Gialla dell’azienda Marco Felluga è un vino piavevolissimo e molto bevibile. Si fa amare sin dal primo sorso e non delude da solo come accompagnato a piatti leggeri, freschi o anche pesci più elaborati. Il colore dell’annata 2009 è un bel giallo intenso, mentre al naso spiccano i sentori floreali e le note di pompelmo. In bocca avvolge con la spiccata freschezza data da un’acidità che non sbilancia l’armonia complessiva del vino.

Dopo un primo bicchiere è quindi impossibile non cedere al fascino della Ribolla Gialla che la rende perfetta per accompagnare soprattutto una piacevole serata tra amici.

Marco Andreani
Show comments

Share your thought